Un interessante laboratorio per la costruzione di un forno con la tecnica del Bauge, seguita  come sempre da un gruppetto di persone intenzionati a imparare per poi farselo a casa e condotto da Mina Bardiani e Alessandro Ranavolo con la collaborazione di Roberto Venturini, è stato enormemente arricchito grazie ad una associazione del bolognese che lavora con i ragazzi autistici.DSCF1097awDSCF1078aw DSCF1103aw DSCF1109aw DSCF1127aw DSCF1159aw DSCF1163aw DSCF1176aw DSCF1197aw DSCF1206aw  DSCN0110aw DSCN0137aw

Siamo alla Fattoria Ca’ Bellocchio di Calderino (BO), dove Massimo Cremonini e un gruppo di educatori conduce il cosidetto ‘Weekend Autonomy Care’ immersi nel verde con diversi animali, in un rapporto di uno a uno con i ragazzi . Questo fine settimana hanno partecipato con noi ad attività educative e ricreative propedeutiche all’utilizzo della terra cruda. Il corso era quindi rivolto agli educatori, per trovare, con la loro esperienza e la nostra, modalità che stimolassero attivamente i ragazzi. Oltre ad aiutare noi in tutte le fasi di realizzazione del forno, hanno creato anche una piccola struttura con la tecnica del torchis, ed hanno partecipato insieme agli adulti alla fase di analisi delle terre, momento anzi molto suggestivo e a loro molto gradito, con il riconoscimento tattile delle differenti granulometrie, colori odori, terre più o meno umide e profumate, argille, limi, plasticità, appiccicosità. Si son divertiti… ed hanno imparato anche cose, ma più di tutto a collaborare con altri per uno scopo comune, che è un traguardo molto alto per persone con sindrome autistica. Impastare la terra con i piedi in tanti, passarsi a catena i pesanti pani di terra fino al forno e probabilmente anche mangiarsi la pizza alla fine della fatica fornisce un chiaro esempio di collaborazione e condivisione. Crediamo che seguiranno altri incontri di questo genere perchè sono molto interesanti e speriamo si facciano vive altre realtà come questa dell’Associazione Passo Passo di Bologna e si possano organizzare incontri con tanti educatori e tanti ragazzi.DSCF1235awLa tecnica del Bauge qui utilizzata è differente da quella illustrata qualche mese fa per fare il forno in torchis. Il bauge è più lungo da preparare ma l’esecuzione è abbastanza veloce. Le pareti sono monolitiche e il momento in cui si elimina la sabbia di centina è abbastanza delicato.

UNA CASA, UNA LAMPADA E UN GIOCO

Un’architettura  (casa) che diventa

interior design (lampada) che diventa

un gioco: urban design in architettura naturale.

IL NIDO, per bambini e non.

Project: C. Mendini, M. Bardiani, A. Ranavolo. 2013

castello 1 (1) castello 1 (2) castello 1 (3) castello 1 (4)

Intervento sulla nuova area pedonale di Milano in piazza Castello. Istalleremo una aiuola sinergica e con la terra cruda posizioneremo delle forme piramidali  che completeranno i bambini e i passanti durante le sei giornate.

osp_castello_5-10maggioCi divertiremo senz’altro, e faremo divertire tutti quelli che verranno a trovarci. Dal 5 al 10 Maggio 2014, piazza Castello, Milano.

vedi anche:

http://associazionepianoterra.com/

DSCF9549wsharing tribal societyDSCF9436aw le vele di terra per l’acusticaDSCF9526aw molta attenzione quest’anno ai temi di architettura naturaleDSCF9566awlot of pizas DSCF9571wsharing techniquetechnique sharing!!! DSCF9581w IMG-20140409-WA0001 lab-terra-pizza-1310151782_10203684606624642_1442438747798396831_n 10171205_10203661402044542_1605276654509762771_n 10171661_10203661356523404_9191947328217449786_n 10171860_10152346462791675_4201190416958672090_n 10153771_698655166863967_5423742380705301645_nDSCF9592 10171272_10152346464006675_7077618507306278765_n

Shared Horizons

28 marzo 2014

foto 5 copia

To build the self-sufficiency through creativity is possible, easy, affordable for everyone, consuming the least , not polluting , regenerating materials and soil; gathering vital spaces, own timing, socializing and eating well!
Regain the connection, layer by layer , with the material where our feet stand, where we trample at each step, the one who gives us fruits, that’s what we use to build with. Every time we “use ” this ground, we transform it , we can use it in many ways without offending it : let’s put together several good grounds, combined with other natural materials , poor, readily available, with many materials already used by others or wasted. Reinstate those into a new cycle of life respectful of the land and energy were create from. We do this with a collective work, through ideas, methods, techniques and knowledge sharing. To transform, regenerate, reuse are bind to free sustainable energy. Back into a time sharing also as convivial act, working and eating , sewing relationships in between things and people .
Layers or horizons to share : A working group for self-sustainable practice focus on the soil. Starting from farming activity, essential to feed our self (farm land), and then suitable ground to build with the inorganic layer (clay) ; and finely sharing the endless top layer of material we create with our waste (recycling).
The oven as hearth to eat, to talk about
It’s build by people, in the community.
It’s hand made all together for the pleasure of cooking
someone bring the soil and others water
someone braid and others mix and somebody enjoy the party
the oven is ready to guest the fire
and than again a mix to transform water and flour into bread
… with the rights to feel good..
The oven is build during the workshop, where everyone can join the progress, form 0 till 100 years age (up to your possibility), it’s a spell since the beginning of human history , centered on the earth construction where the all community is active for days of sharing and convivial rituals. The earth oven exist as long it’s in use, but returns to the earth from the moment it’s abandon, leaving behind only soil and branches …..
Participant are asked to bring excavated earth to help build and dough for bread to be baked together in the oven (traditionally each family brings bread dough to bake in the collective oven) .

The tools and furnishings around the oven
Regenerate objects/waste into handicrafts. Thanks to a careful deconstruction process of the components , are reevaluate the structural and esthetic quality of each element.
Resembling those, with unusual function and combinations, generate new products rich in history, imposing the cyclicity, educating and shearing the respect for our past, present and future. Using waste available in the local environment end sharing ideas on a global scale .
– DIY workshop for oven’s tools and furniture to socialize around the oven

” Soil ” : shared culture and knowledge
In recent years, it is spreading around the globe a different idea of ​​belonging to the land compare to traditional concept of ownership : private, public or common . It’s the idea of a relationship of mutual exchange between man and land that compels to share together more space and time.
Combine knowledge and skills in a relationship of exchange and mutual aid , reclaiming the innate ability of living organisms to adapt to changes (resilience ) .
– Dissemination and sharing of regenerative techniques (garden synergistic use of e.m.) and good practice ( permaculture gardens and shared gardens , vegetable spread )
– Sale and barter of edible plants and regenerating the garden ecosystem .
– Planting transplants , sharing and dissemination of otherwise useful plants flowers herbs .
– Conference on the topics of rural , soil fertility , soil wear ( to be agreed )
– Laboratory – potties jars vases , jars realization of cardboard (cardboard recovered )
– Laboratory – construction of vessels and chests to grow ( reclaimed wood ) : open workshop with the participation of the student of the Laboratory of Carpentry Mincio school.
The program @ Fabbrica del Vapore
The oven construction can start 2 or 3 days before the show or during the first few days of exposure as work in progress . Following next days will design tools like the blades of the oven, and furniture such tables and chairs . Meanwhile, the oven can be used and we will proceed with the final touches and little things. On Saturday and Sunday ( in conjunction with the market of the slow food ) focuses the intervention related to soils and nutrition, with awakening and stimulation at soil care, and for natural growing( plant sale barter , laboratory construction vessels , conferences)

The baking oven must be outdoor, it will function on wood fire under our supervision. The furnace is prone to a shared use. If not , it will be used only for demonstration purposes . If it’s impossible to turn on the oven , will turn on the dome light as a symbolic hearth . The oven is built on site with adequate base , all removable at the end of exposure .

WORKSHOP
– Construction of a collective earthen oven . ( Workshop)
– Construction of equipment and furnishings for the hospitality and sociability around the oven . ( Workshop)
– Construction of chests and pots for growing . (lab)
CONFERENCES
to be agreed

display size : mt. 10 x10
oven measures : mt.1 , 50 x 1,50 x 2,50 h
objects and furniture measures: bench 1 x 3 meters – seats 80 x 120
minimum distance from a building : 3 m
furnace materials : excavation earth, sand, straw , branches , refractory bricks, water and recycled materials
oven tools materials: scrap metal , wood recovery ( pallets ) , used tires
vases and jars materials : wood and cardboard recovery
Shared Horizon : the group
curators Claudia Mendini , Mina Bardiani , Alexander Ranavolo .

The Oven:

° Claudia Mendini ( Atelier Mendini )
Artist, sculptor, painter , photographer and theatrical , works with various groups and artists.
Focus on alternative education through arts and gardens .
President of association piano-TERRA

Mina Bardiani ° (Future Tradizioni)
Architect and master builder in earthen architectures with different experiences in self-construction and construction with the use of sustainable building techniques .
Currently engaged in projects for living in crisis and emergency.

Alexander Ranavolo ° ( Ranaworx )
Bio- architect , musician . Earthen architectures and eco-friendly plaster .
Living willows Construction . School laboratories of natural design

Tools for the oven :

° Davide Manzoni ( RedeeMade )
– Davide Manzoni lives and works in the Netherland where he found a fertile ground to grow and succeed in the world of Sustainable Design .
– Founder of the laboratory ” RedeeMade ” developer the philosophy , translated into ” Made – To redeem ,” creating objects , architectures, installations and decorations with urban waste and industrial leftover.

Published action
° Piano-TERRA Association
Association of Social Promotion non-profit engaged on the issues of disclosure ecological and sustainable behaviour , environmental education , permaculture , green architecture , carpentry

Green Utopia FuoriSalone

28 marzo 2014

foto 4 copia

Orizzonti condivisi.
Strati condivisi – Terra da sharing.

Costruirsi l’autosufficienza attraverso la creatività è possibile facile alla portata di tutti, consumando il minimo, non inquinando, rigenerando le materie e il suolo, riappropiandosi degli spazi vitali, del proprio tempo, della socialità e nutrendosi bene!

La condivisione è un motore che l’umanità coltiva dalla notte dei tempi,
e oggi viene più che mai assorbita dalle funzioni della vita industrializzata (che la bloccano .)
Ora è importante riprendere il contatto, strato dopo strato, con la materia sulla quale poggiamo i piedi: il suolo, quello che calpestiamo ad ogni passo, quello che ci dona i frutti, quello che usiamo per costruire.
((Del terreno non si butta via niente, e va coccolato))
Siamo tutti inquilini di questa terra e ogni volta che “usiamo” questo suolo, lo trasformiamo; possiamo renderlo inerte, velenoso, o possiamo restituirlo alla terra ancora più fertile. Possiamo utilizzarlo in molti modi senza offenderlo per restituire alla compartecipazione un giusto luogo per l’umanità: mettiamo insieme diverse buone terre, unite ad altri materiali naturali (eternamente riutilizzabili e biodegradabili), poveri, facilmente reperibili, a quei diversi materiali già usati da altri o di scarto che ormai sono un volume consistente della terra stessa . Li ricollochiamo in un nuovo ciclo di vita nel rispetto della terra e dell’energia che li hanno creati e lo facciamo con un lavoro collettivo, attraverso la condivisione di idee, di metodi, di tecniche e saperi, barattando ricette “si mette insieme” si trasforma, si rigenera, si ri-utilizza in comune per condividere energie riproducibili. Si torna così a condividere il tempo anche nel suo aspetto più conviviale, lavorando e mangiando insieme, cucendo relazioni tra le cose e le persone.

Il forno come il focolare, per mangiare, per raccontare.
Si fa un forno con la gente, con la comunità
si costruisce con le mani, insieme e con piacere, per cucinare
chi porta la terra e chi l’acqua, chi intreccia e chi impasta e chi fa festa
e il forno è pronto ad accogliere il fuoco
e ancora si impasta per trasformare acqua e farina in pane
.. con la voglia di stare …….bene!

Il forno si costruisce durante un workshop, chiunque può partecipare dagli 0 ai 100 anni (ognuno secondo le sue capacità e possibilità); è una magia che si compie dall’inizio della storia umana, attorno alle costruzioni in terra cruda si attiva l’intera comunità in giornate di condivisione e convivialità rituale.
Il forno in terra dura x tutto il tempo in cui viene utilizzato ma torna alla terra dal momento in cui viene abbanadonato lasciando dietro di sé solo terra e rami…..
Viene chiesto ai partecipanti di portare della terra di scavo per contribuire alla costruzione (sharing).
Il forno per la cottura è da realizzarsi all’ esterno, sarà in funzione con fuoco a legna con la nostra supervisione. L’uso del forno è rivolto ad un utilizzo condiviso pur essendo a titolo dimostrativo.
Viene chiesto ai partecipanti di portare impasti per pane da cuocere insieme nel forno (tradizionalmente paese aveva un forno e ogni famiglia portava il suo impasto a cuocere nel forno collettivo)
Il forno viene costruito in loco con basamento adeguato, il tutto asportabile a fine esposizione .
Gli attrezzi e gli arredi intorno al forno

Il laboratorio Redeemade rigenera oggetti/rifiuto in prodotti artigianali.
Grazie ad un attento processo di decustruzione dei componenti, si rivalutano le qualita’ strutturali ed estetiche di ogni elemento.
Assemblando gli elementi , con funzioni e combinazioni inusuali, si generano prodotti
nuovi ma ricchi di storia, materialzzando la ciclicita’, educando al rispetto e alla condivisione del nostro passato, presente e futuro.

Utilizza rifiuti disponibili nell’ambito locale condividendo idee su scala globale
“SUOLO”: CULTURE E SAPERI CONDIVISI

Negli ultimi anni si sta diffondendo nel mondo un’idea di appartenenza alla terra diversa dal concetto tradizionale di proprietà: privata, pubblica o comune. E’ l’idea che esiste un rapporto di reciproco scambio tra uomo e terra che ci spinge a condividere gli spazi e il tempo.
Unire conoscenze e competenze in un rapporto di scambio e mutuo aiuto, riappropriandosi della capacità innata degli esseri viventi di adattarsi ai cambiamenti (resilienza).
– promozione, diffusione e condivisione di buone tecniche rigenerative come orto sinergico impiego di e.m. e buone pratiche orto diffuso, permacultura orti e giardini condivisi.
– semine trapianti, condivisione e diffusione di piante fiori erbe diversamente utili.

Le giornate alla fabbrica del vapore:

Il forno verrà costruito durante i primi 3 giorni dell’esposizione in un work in progress.
Nei giorni sucessivi si costruiranno gli attrezzi come le pale del forno, le pinze etc (materiali metallici di recupero) e gli arredi come il banco e le sedute (bancali e legno di recupero, copertoni)

Il sabato (in concomitanza del il mercatino di slow food) si concentra l’intervento legato al suolo e alla nutrizione, con sensibilizzazioni e stimoli alla cura per il suolo, per la coltivazione naturale attraverso la vendita di piantine commestibili e rigeneranti per l’ecosistema orto (in terra piena o in terrazzo) e la costruzione di vasi e cassoni per coltivare (legno e cartone recuperato)

Workshop (si intendono ad iscrizione e a libera partecipazione)
– Costruzione collettiva di un forno in terra cruda. (Workshop)
– Costruzione degli attrezzi e degli arredi per l’accoglienza e la socialità attorno al forno. (Workshop)
– Costruzione cassoni e vasi per la coltivazione. (laboratorio)
Scambio e vendita di piante biodiverse (il sabato)
Baratto di ricette per l’autocostruzione. (durante i giorni dell’esposizione)
Stimoli e condivisione di buone pratiche (durante i giorni dell’esposizione):

Per avere la possibilità di seguire i workshops contattare:

info@associazionepianoterra.com

http://associazionepianoterra.com/

 

 

TERRA SCIOLTA

7 febbraio 2014

DSCF2783aW

Un labirinto di Terra Cruda lasciato alle intemperie per diversi anni senza un minimo di cure. I bambini dell’asilo stupefatti: in MEZZ’ORA Doc Rana l’ha restaurato sotto i loro occhi attoniti per la rapidità di movimenti e per l’effetto finale che è una bomba (otra vez ve lo posto, non c’è mai tempo!).  Il top delle costruzioni in Terra Cruda è che sono così ecologiche che se si rompono o si sciolgono, il materiale può essere riutilizzato all’infinito per risistemare o creare qualcos’altro.

DSCF2799aW

Io trovo comunque molto suggestive anche le immagini di questo tipo, fanno molto Iran 17.000 a.C.

E’ finita la scatenata settimana del design, che, con la settimana precedente di preparativi, corrisponde ad una settantina di ore di sonno perse.Nel frattempo i rotoli di papiro han dovuto cedere il posto alla statua del polpo. E’ il bello di lavorare in tante teste, si cerca di dar spazio a tutti, ma anche di restare ancorati al canovaccio, se non proprio ad un progetto iniziale. Si serfa, si improvvisa, e poi si torna a riva, cercando di salvare tutti, ma soprattutto l’opera. Quindi onde e tentacoli, le pergamene si erano allontanate troppo. E il colore bianco del  marmo sostituisce l’ocra chiaro del papiro.

DSCF2370-w

Il Nido, così ribattezzato, da mega lampada si è trasformato in un gioco per bambini, che lo han domato sin dall’inizio, esplorando ogni pertugio. Lo aveva disegnato Claudia Mendini e poi in campagna io, lei e l’arch. Mina Bardiani abbiamo creato la struttura. Successivamente ricoperta di terra nello studio dell’arch. Maddalena Feraresi da noi quattro.DSCF2311-w

E’ stato donato all’Orto di piano-Terra (piano-terra.org) via Oglio, 15. Associazione di orti e arti nelle scuole.

DSCF2398-w2

Come al solito non abbiamo resistito ed è partito anche il laboratorio per i bambini, i primi giorni con dei pannelli decorati all’interno della mostra, e poi con l’arrivo del sole con la costruzione di una pista per le biglie coloratissima, rigorosamente in terra cruda.

DSCF2347-w

DSCF2331-w1DSCF2329-w1DSCF2329-w2

Per quanto riguarda i tre pannelli della Statua del Polpo sono stati ancorati ad uno dei tripodi di Duilio Forte che allestivano tutta la mostra BLA BLA di Milano Makers. Lo svolgimento del tema è di Mina Bardiani, mio e di Claudia Mendini, ma in fase di lavoro si sono aggiunti i preziosissimi contributi dell’arch. Sergio Sabbadini e dell’arch. Maddalena Ferraresi. In fase di allestimento poi si sono aggiunti contributi esenziali da parte dell’arch. Antonio Salvatore e dell’arch. Emanuele Cavallo, immancabili, cui siamo grati e debitori, ed altettanto prezioso l’aiuto sul campo di Fulvio Orlando di Ecoedile, Elia Zanotto della Zanotto e Gheller di Naturgheller. La struttura resterà nella Cattedrale della Fabbrica del Vapore.

DSCN0396-wSergio Sabbadini  ha anche presentato una chaise-longue a dondolo in terra e legno ed una in legno e fibra di canapa, realizzate con il falegname Zanotto.

DSCF2386-wDSCF2388-w

Granara (PR) 2012, direzione artitica Alessandro Ranavolo.                                                   Progetto Ing. Dario Sabbadini, direzione lavori Arch.Mina Bardiani.

s1360224w

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 292 follower